Come scegliere il tagliasiepi

Un giardino da sogno

Tutti sognano un bel giardino vicino alla propria abitazione,  per avere la giusta cura però bisogna cimentarsi nella potatura delle siepi di tanto in tanto. Ci sono alcune situazioni in cui usare sega e cesoie diviene un lavoro interminabile e non tutti hanno la possibilità di pagare un giardiniere professionista per sistemare le piante. Il modo migliore per curare le siepi senza spendere troppo è quello di acquistare un tagliasiepi adatto alle vostre esigenze e provvedere personalmente alla potatura. La cosa però è molto facile a dirsi ma visto che in commercio ci sono molti modelli non è poi così facile orientarsi sull’acquisto, qui sotto troverete una serie di indicazioni utili per capire quale sia il modello più adatto a voi.

Categorie di tagliasiepi

Prima di tutto bisogna capire la morfologia del vostro giardino e delle siepi da tagliare, infatti a seconda della lunghezza e dell’altezza della piante che avete c’è bisogno di caratteristiche diverse, senza contare anche il tipo di terreno. Possiamo suddividere in tre grandi linee i tagliasiepi a seconda del tipo di alimentazione: c’è il tagliasiepi a motore a scoppio, quello che si alimenta tramite corrente elettrica e infine sempre più richiesto quelloelettrico. Le differenze poi si possono estendere anche a seconda dalla lunghezza della lama, una dimensione maggiore tra l’altro non è necessariamente sinonimo di migliore risultato.

Il tagliasiepi a motore a scoppio è un tipo di prodotto che ha solitamente un’ottima potenza ma fa molto rumore e produce sostanze nocive per la nostra persona, anche se naturalmente non è un utensile per uso quotidiano. Anche il tagliasiepi a cavo offre ottime prestazioni ma trascinarsi dietro un filo di corrente a volte troppo corto è un problema, la cosa peggiore che può capitarvi è quello di tagliarlo (davvero difficile) mentre il doverlo spostare in continuazione e trovarvelo fra i piedi non è il massimo della comodità. Il modello ideale sarebbe proprio il tagliasiepi a batteria, ma questo ha una potenza inferiore anche se le nuove batterie al Litio cominciano a dare cariche energetiche superiori.

Caratteristiche da considerare

Ora vediamo da vicino quale sono le caratteristiche a cui dare maggiore importanza a prescindere dal tipo di tagliasiepi che abbiamo descritto poc’anzi. Prima di tutto vi sollecitiamo a verificare il peso, dovete tener presente che una macchina che supera i 4 kg non è certo adatta a persone di una certa età o donne poco abituate a lavoro dove si richiede un certo sforzo. Insieme al peso è bene rendersi conto della maneggevolezza di un tagliasiepi, quando trovate un modello con più prese per angolare il taglio siete sulla pista giusta, ancor meglio se rivestito di materiale antiscivolo. La lunghezza della spada non è un dato di merito ma varia a seconda delle siepi da tagliare: una spada lunga è molto utile per arrivare verso rami che crescono in alto e sicuramente coprono una superficie maggiore che ci consente di lavorare più rapidamente. Allo stesso tempo però la lunghezza rende più difficile la precisione, in questo caso vi consigliamo una spada corta dove il taglio è più netto; per capirci meglio è inutile avere 70 cm di spada se le vostre siepi non superano il metro e cinquanta. Un motore sotto i 500 W di certo non può offrire ottime prestazioni, se possibile poi bisogna capire quanto rumore ma soprattutto vibrazioni vengono prodotte durante il lavoro, ovviamente queste incidono sulla fatica. Un altro fattore di chiara importanza è il taglio massimo dei rami, capite bene che acquistare un tagliasiepi che non riesce a potare un ramo oltre i 16 mm può servire a ben poco se quelli del vostro giardino superano i 2 cm! Per ultima cosa, non certo per l’importanza, vi consigliamo di scegliere un prodotto che offre un buon sistema di sicurezza, quando parliamo di sicurezza intendiamo quello delle preziose lame (occhio alla manutenzione) ma soprattutto quello della persona fisica. Quasi tutti i tagliasiepi hanno infatti una protezione metallica che protegge i denti delle lame dai consueti urti occasionali contro muri o recinzioni metalliche, mentre l’arresto del motore improvviso tutela la persona. Infatti molti modelli hanno la caratteristica di essere alimentati a due mani, quando una di queste lascia la presa le lame si bloccano evitando così incidenti pericolosi.

Il nostro consiglio

Abbiamo visto quindi che per scegliere il tagliasiepi ideale bisogna fare molte considerazioni, prima di tutto il posto in cui operate e le dimensioni della vostra siepe. Se davanti a voi c’è una situazione di lavoro ottimale e i rami hanno dimensioni ridotte potete acquistare un tagliasiepi a batteria, sicuramente i più comodi da utilizzare ma in proporzione alle prestazioni anche i più cari. Se avete bisogno di molta potenza dovete scegliere un tagliasiepi a motore o a cavo, quest’ultimo vi offre un consumo minore e inquina meno ma se operate in un terreno fastidioso probabilmente vi causerà un impiccio che va considerato. Altri due elementi fondamentali sono la lunghezza della lama e lo spessore di taglio. Una spada lunga è ideale per lo sfoltimento mentre una corta è ideale per tagliare con maggiore precisione, mentre comprare un prodotto pagandolo di più solamente perchè offre un taglio da 34 mm quando ne servono meno di 20 mm ci sembra inutile. Il peso e la forma ergonomica anche sono importanti, bisogna valutare il giusto bilanciamento per evitare di stancarsi troppo in fretta. Infine la sicurezza, ma ormai quasi tutti i modelli in commercio curano questo aspetto particolarmente importante.

I migliori tagliasiepi

Se anche carichi delle informazioni dei paragrafi soprastanti, ancora non siete convinti di quale tagliasiepi faccia al caso vostro, non disperate, noi di tagliasiepi.net abbiamo creato una sezione apposita dove consigliamo i migliori tagliasiepi a seconda delle esigenze più comuni. Leggetela con attenzione per fare un acquisto informato risparmiando tempo e soldi!
Se invece non avete neanche il tempo di controllare quella sezione, allora spulciate i tre tagliasiepi più venduti qui sotto. Troverete a colpo sicuro quello che fa al caso vostro:

20 commenti su “Come scegliere il tagliasiepi

  1. Ho una siepe di gelsomino, quindi da quello che scrivete Einhell REH 5547 sembra l’oggetto adatto a me.
    Vorrei sapere se è a batteria oppure con filo?

  2. Ciao,vorrei un consiglio per un tagliasiepe con il manico piu lungo.ho la siepe un pò alta e mi serve per fare il sopra.Ovviamente una cosa di marca ed a buon prezzo.Grazie per un eventuale risposta.

  3. Ho una siepe di Lauro Ceraso, alta e profonda. Vorrei comprare un tagliasiepi (possibilmente con prolunga) che mi consenta di potarla senza dovermi sporgere eccessivamente dalla scala.
    Cosa mi consigliate?

  4. Ho una siepe di leyland alta da mt. 3.00 ai 4.50 e lunga circa mt. 120.00 che cura un giardiniere ma vorrei iniziare a curarla io uno per risparmiare e poi perché mi piace farlo. Quale taglia siepe mi consiglia? Non credo sia utile quello con il filo.

  5. Ciao
    Ho una siepe di Lauro Ceraso , alta e profonda
    Vorrei prendere un tagliasiepi a scoppio, utilizzo una o due volte l’anno
    Cosa mi consigliate?
    Grazie

    1. Ciao Francesca,

      dai un’occhiata a questo modello, ricco di accessori e molto apprezzato da chi lo ha già acquistato.

      Ciao,

      Il Team di Tagliasiepi.net

  6. salve..vorrei un consiglio…vorrei acquistare un tosasiepi a scoppio..leggero..con una lama da 60 cm..e con i denti da 2.8..3 cm.una macchina affidabile..e vorrei sapere se l impugnatura che ruota a 180 gradi è molto utile..o no!..grazie

  7. Salve Tagliasiepi.net,
    vorrei regalare un tagliasiepi a mio marito. Ci serve solo per tagliare un grande gelsomino, un pò arrampicato e un pò a siepe (almeno per ora, forse ci sposteremo in una casa con un giardino più grande).
    Quale mi consigliate? Su Amazon ho trovato:
    Bosch AHS 45-16 Tagliasiepi
    Einhell RG-EH 6053 Tagliasiepi Elettrico
    che pagherei circa 45 euro con uno sconto sul Fai da te.

    Grazie per la cortese attenzione.
    Cordiali saluti,
    Laura

  8. Amante delle siepi ….ho una siepe di viburnum che gira intorno a casa per circa 130-140 m, alta circa 3.5 m, con uno spessore mediamente di 1- 1,5 m.
    Vorrei ridurla , sia in altezza che in spessore. Sicuramente vado incontro a rami che vanno dai 2 a 3,5 cm….. il mio dilemma è: tagliasiepi a scoppio o elettrico
    (più leggero e manegevole) visto che lavorerò su un trabattello e quali caratteristiche deve avere? ( potenza , lama, peso, ).

    Sicuro di una vostra risposta
    porgo distinti saluti.
    Gaetano D.

  9. ho delle siepi di pitosfoo, una alta 3 ml lunga 20ml e una alta 1,8ml lunga 30ml.
    Sono nel giardino di casa per cui potrei anche utilizzare una prolunga.
    Però va bene anche a scoppio o ha batteria cerco una cosa che prescinde dal prezzo sia la più sicura ed efficiente anche se dovessi spendere 500€ (budget massimo).
    Nel giardino ho anche olivi, fichi, prugni, se ci fosse la combinazione con piccola motosega telescopica per i rami alti non sarebbe male, a questo punto l’utilizzerei anche nel campo che ho con circa 100 olivi e circa 50 piante da frutta, per cui ci vorrebbe attrezzatura professionale e durevole e non hobbistica, penso.
    Resto in attesa del consiglio.